Qualche anno fa mi hanno regalato un bel quaderno tutto rilegato in uno stile particolare, che ho pensato di utilizzare in modo altrettanto particolare, e,tra le varie cose che ci ho messo dentro, avevo deciso di riempire una pagina di parole positive. Solo parole, una dietro l’altra, tutte attaccate. In modo che potessero trasmettere ua bella energia. Ho iniziato a pensare a tutte le parole positive che mi poteessero venire in mente e, a fatica, avrò riempito forse un quinto della pagina! Erano scritte piccole e tutte attaccate, certo, ma questo non è comunque da considerarsi normale. O almeno non secondo me. Ora sto cercando di fare la stessa cosa con uno sfondo per il cellulare, e me ne sono venute in mente dieci! O_O Mio Dio… quanto siamo plagiati! Siamo talmente abituati ad assorbire, ripetere e riflettere negatività che non siamo nemmeno in grado di riempire una pagina di belle parole! [e quì, forse, la logica dovrebbe suggerirmi che l’essere passato da un quinto di pagina a dieci parole potrebbe significare che sono peggiorato… mhmm… dai, per stavolta la ignoriamo, la logica.]

“Un uomo è ciò che sogna” dicevano i Nativi Americani… e noi stiamo vivendo i nostri incubi.

 

 

Annunci